Le lingue straniere da bambini

Una lingua diversa è una diversa visione della vita.
(Federico Fellini)

 

I bambini amano giocare e quindi, quale strumento migliore del gioco per potenziare la loro curiosità e le loro conoscenze!

I Summer Camp in inglese stimolano i piccoli a confrontarsi con situazioni diverse da quelle scolastiche,  a vivere serenamente momenti di confronto con insegnanti stranieri, a sforzarsi  di capire ed esprimere i propri bisogni quotidiani, a fare semplici richieste.

Le sfide, la musica, e i giochi di squadra permettono al bambino di memorizzare costruzioni e vocaboli e di utilizzarli con i compagni.

Nei Summer Camp in lingua i bambini scoprono il fascino di giochi di altri tempi rivisitati in inglese come caccia al tesoro o strega comanda color; imparano in lingua le regole principali della palla bollata o del gioco dei birilli, per esempio; creano progetti in comune, diventano assistenti degli insegnanti per provare la soddisfazione di condurre i giochi, ridono e scherzano tra di loro.

Questa non è certo “fatica”, come a volte pensano alcuni genitori. E’ una grande opportunità che i piccoli ricevono per un futuro di maggiori successi .

Entrare in confidenza da piccoli con le lingue straniere è l’inizio di un cammino di crescita  personale che un giorno si rifletterà anche in ambito lavorativo.

Perché un bambino che si arricchisce di un mondo multiculturale oggi e sviluppa la passione per le lingue,  avrà domani strumenti che gli permetteranno di sviluppare al meglio le proprie potenzialità nella scuola e nella vita.

     

Concetta Donvito, direttrice di Centro Studi Ad Maiora dal 1998 insieme a Maria Tagliaferri, ha    vissuto alcuni anni a Mosca per motivi di studio e di lavoro.